Psicologo a Firenze

Psicoterapeuta a Firenze Dott. Silvia Bertini

  04/06/2020     Silvia 
DSA. Disturbi Specifici dell' Apprendimento

  DSA. Disturbi Specifici dell' Apprendimento

 


DSA 1

Le persone affette da DSA sono tutelate dalla Legge 170 del 2010.

La diagnosi di DSA viene fatta da un'equipe di professionisti. Gli ambiti che si vanno ad indagare con prove e test specifici, riguardano non solo le abilità scolastiche ma anche tutta una serie di altri fattori come l'attenzione e la memoria. In sede di diagnosi, infatti, è importante arrivare a comprendere non solo se siamo davanti a un bambino con DSA ma anche se c'è una comorbilità (se sono, cioè, presenti altre patologie) o se i disturbi che abbiamo notato siano da ascrivere ad un Disturbo Specifico dell'Apprendimento o a qualcos'altro.

La diagnosi è importante per capire quali siano le difficoltà del bambino e come poterlo aiutare anche utilizzando dei trattamenti di riabilitazione.

Il livello intellettivo delle persone con DSA è ALMENO nella norma.
Con un QI sotto la norma NON è possibile fare diagnosi di DSA e le difficoltà del bambino nell'apprendimento vanno ascritte ad altra patologia.

E' frequente trovare in comorbilità con i DSA il DSL (disturbo del linguaggio, sia nel senso della difficoltà ad esprimersi che nel senso della difficoltà a comprendere) che l'ADHD (disturbo dell'attenzione e iperattività).

Abbiano detto che il DSA comprende disturbi di vario ambito :
dislessia
disgrafia
disortografia
discalculia
Per fare diagnosi di DSA è sufficiente che sia compromessa una sola delle abilità sopra descritte. Spesso, però, la difficoltà si presenta in più ambiti contemporaneamente anche se con gradi di gravità differenti.

Dire che un bambino ha un DSA ci dice in verità molto poco su di lui e su quali siano le sue reali difficoltà. I livelli di gravità del disturbo, infatti, dipendono sia dal livello di compromissione della singola abilità che dalla copresenza di più disturbi insieme.

Essendo il DSA un disturbo del neurosviluppo, cioè una modalità di funzionamento del cervello, non si guarisce né si cura.
Ciò che si può fare è insegnare al bambino tecniche e strumenti per farlo lavorare più efficacemente possibile e con meno fatica possibile.

  0 Commenti |     Aggiungi   |


© Maurizio Tiranti 2020